mercoledì 17 dicembre 2014

perchè poi alla fine sono sempre io

Sono stata via. Da qui, da me stessa.
Ero in equilibrio sulla fune, finchè ho deciso di provare a saltare.

L'ultimo post si chiamava "sospesa".
Ed era riferito al trattenere un attimo il fiato in uno di quei momenti in cui non si sa bene cosa starà per succedere, ma si sa che qualcosa accadrà.
Non avevo immaginato fosse l'inizio di una mia autosospensione dal blog.

Ci sono delle volte nella vita, in cui sei portato a dare tutto ciò che hai dentro. In cui le persone che hanno la mia personalità passano ore, giorni, settimane, a scrivere, a dipingere, a parlare, a tirare fuori foto, immagini, video, numeri, lettere, idee e suoni.
Poi basta una goccia, o forse un po' di più, diciamo una piccola palude con un grosso coccodrillo che ti ringhia contro. E quella situazione finisce.

E ti trovi vuota, ancora una volta, vuota al punto che ha bisogno di essere solo tua, ancora una volta.
Di riempirti di libri, di film, di foto, di tè caldo, di discorsi ai quali tu partecipi solo come uditrice.
Perchè hai bisogno di immagazzinare nuove parole, nuove immagini, nuove storie, nuovo calore prima che tu ne possa ancora una volta tirarne fuori di tuoi.

C'è forse ancora chi aspetta paziente sulla riva del fiume che arrivi il mio cadavere, ma io ho imparato a non essere più puntuale, e mi dispiace deludere ancora una volta quelle aspettative.

Ci sono, ci sono ancora, carica di parole, di sentimenti e con intorno a me le persone giuste, quelle che hanno scelto di esserci pur senza che fosse dovuto.

E io sono qui a guardarmi intorno nuovamente e a lasciarmi meravigliare dal mondo, a scoprire mondi nuovi semplicemente cambiando inclinazione della testa per vedere il mondo da una nuova prospettiva. Come quelle strade che percorri ogni giorno in un senso e che quando ti trovi a fare nel senso opposto sembrano completamente diverse.
"Questo negozio è sempre stato qui?"
"Questa vita è sempre stata qui?"

And God, tell us the reason
Youth is wasted on the young
It's hunting season
And the lambs are on the run
Searching for meaning
But are we all lost stars
Trying to light up the dark


6 commenti:

  1. Non dar loro la soddisfazione, falli attendere a lungo sulla riva del fiume, falli morire di noia e di freddo.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. io mi metto spesso in modalità uditrice, cosa che non tutti comprendono in pieno. per alcuni è semplicemente sinonimo di una che non ha nulla da dire, per me significa anche rilassare la mente e non dover per forza trovare delle risposte da dare, fare dei ragionamenti, ma farmi trasportare da quelli degli altri. il che, a volte, è molto molto rilassante, appunto.

    RispondiElimina
  3. Alle volte è bello essere subalterni. Guardare senza essere visti. Esistere senza impegnarsi. Fa bene. Ci rimette nella giusta prospettiva.

    RispondiElimina
  4. Il mondo intero è tutto una questione di punti di vista

    RispondiElimina