venerdì 6 marzo 2015

respirare abbracci

tra tanti talenti, non ci si crede quanto sia bello l'abbraccio.
voi direte che talento è l'abbraccio, sono bravi tutti. e invece no.
tecnicamente, per un abbraccio basta avere due braccia, o forse pure uno solo basta, e cingerlo intorno al soggetto ricevente.

in realtà, ognuno di noi sa che non è così semplice, che ci sono abbracci di cui mai se ne sarebbe sentita la mancanza, e invece quegli abbracci che creano al loro interno un habitat unico al mondo.
quegli abbracci che ti cambiano la giornata, e forse anche la vita.

sono abbracci stretti, nel silenzio si può sentire uno squish dato dagli organi interni che si strizzano, si rimettono in ordine e mandano via pensieripesanti, bile, ansia, grigio.
ricaricano le batterie, portano il sorriso e la sicurezza che in fondo andrà tutto bene.
sono dei veri e proprio abbracci terapeutici, sedute di psicanalisi da 5 secondi, o da un'ora.

il rischio, a ricevere una volta nella vita un abbraccio così, è quello di averne dipendenza e di non trovare in giro che abbraccicinesi per pochi euro.
come le dita di mark knopfler sulla chitarra, a confronto con il ragazzino al parco che ogni primavera riprova lacanzonedelsole. le bionde trecce gli occhi azzurri e un pardicazzi che sai suonare la chitarra.

una volta, ancora una, ti prego. una ancora che l'ultima non sapevo fosse l'ultima e non l'ho respirata abbastanza.


stringimi forte
che nessuna notte è infinita

5 commenti:

  1. io sono un essere umano strano...
    negli sms, piuttosto che "baci", chiudo gli sms con "abbraccio"....
    però non mi viene di darli, anzi mi mettono in difficoltà...

    RispondiElimina
  2. i dispensatori di abbraaci veri meritano menzioni speciali, si scatta in piedi e si chiede il bis a gran voce

    RispondiElimina
  3. "Sulla tua spalla posta, la mia mano
    del mondo entra in possesso. Altro segnale
    non propongo di me per ciò che esprimo:
    che nell'esiguo spazio di quel gesto
    si disegni la forma del destino"

    Josè Saramago. Trad F. Toriello

    RispondiElimina
  4. Io amo gli abbracci. Amo abbracciare, stringere fino a sentire la colonna vertebrale scricchiolare e spezzarsi...cioé, no. non così tanto.

    Però amo gli abbracci forti. Intensi.
    Gli abbracci in cui ti perdi.

    RispondiElimina
  5. @patalice: io sono una persona molto "fisica", sono una che frequentemente è stata messa in guardia prima di un incontro "mi raccomando, ti faccio conoscere mia sorella ma non cercare troppo contatto perchè ha bisogno di tempo".
    sono come un neonato, ho bisogno di contatto pelle a pelle :)

    @amanda: stiamo parlando di veri e propri abbracciatori seriali professionisti, di quelli che accorrono al bisogno e non ti lasciano mai delusa! medaglia al merito e onorificenze, subito! (saramago, grazie!)

    @nocchiero: spezzarsi no, però almeno un croc che unisce il piacere dell'abbraccio e alla soddisfazione dello stretching, quello si, dai! :)

    RispondiElimina