lunedì 26 ottobre 2015

e quindi quell'autunno che volevo è arrivato davvero

te ne accorgi perché la doccia diventa più lunga, ed evidentemente lo shampoo all'anima ha bisogno di più acqua calda di quello ai capelli.
te ne accorgi perché alla guida sei sempre un po' più persa in strade per le quali non esiste il navigatore.
te ne accorgi perché la playlist di spotify appena creata si chiama "sfrantumarsi l'anima con cilicio in musica e vestirsi il cuore di blu" e contiene tutta la musica che negli anni ha assecondato i momenti blu.
te ne accorgi perché i capelli sono diventati rosso fuoco per quello strano principio per cui le donne quando escono fuori di testa si fanno cose strane alla testa.

te ne accorgi perché non è proprio blu, quello che senti dentro, ma va dall'indaco al grigio passando per il neronero, e perché gli amici quelli veri non ti chiedono più come stai, ma ti dicono solo vieniquichetiabbraccio.

te ne accorgi perché è arrivato quel momento dell'anno in cui semplicemente per il naturale corso degli eventi, cadono le foglie dagli alberi, e in qualche modo generano scosse all'equilibrio che in estate sembra sempre solido. e quest'anno un po' di più, perché c'è stata una strana coincidenza astrale che ha portato tu-io e tu-tu e tu-mondo a occupare posti diversi.

te ne accorgi perché arriva di nuovo il bisogno fisico di creare materiale che resta, e che va dal parolesucarta al caratterisuschermo, dal pastellosucartoncino al pixelsutavolettagrafica.
te ne accorgi perchè senti che fuori piove: che bel rumore, perchè cammini per la strada senza nemmeno guardare per terra e perchè la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia. (semicit.)
te ne accorgi perchè ti svegli ogni mattina con in testa una frase che hai ingoiato quando avevi 15 anni e guardavi the crow perchè il nero non sembrava mai abbastanza scuro e perchè sbalordito il diavolo rimase quando si accorse di quanto osceno fosse il bene (beh questa è davvero cit.)

te ne accorgi perchè il bene e il male certi giorni hanno lo stessa puzza di zolfo e lo stesso odore di carne.


But enough of “the fight,” enough “you and I,” 
enough of “prevail” or “walk in the light.”
While the angels stand by I get high as a kite. 
I'm too tired to smile or know that I'm right. Am I right?

okkervil river, the velocity of saul at the time of his conversion

venerdì 23 ottobre 2015

ventidueottobre

la sensazione di esserci da sempre, la paura di non esserci mai più.
quella luna che guarda con aria beffarda in segno di sfida, chiedendoti se vederla li nel cielo non porta i tuoi ricordi a liquefarsi.

e tutte quelle cose che si dicono e si fanno, per cercare una linea unica tra tutte le tue tu che ti compongono.