domenica 8 novembre 2015

just once

C'è quella storia dei cerchi mai chiusi, quella dei cerchi che finalmente si chiudono.
E poi c'è quella dei cerchi elastici, disegnati con una matita magica, ibrido tra grafite e caucciù.
Sono cerchi di cui non ti preoccupi, perché si gestiscono a sé, capaci come sono di restringersi o allargarsi, includendo quello che c'è al momento: niente, tutto, e ogni possibile via di mezzo.

Sono quelle orecchie in cui si suona sempre quella canzone che può fare molto bene o molto male ma che riesce ogni volta a cambiarmi gli equilibri interni.
Sono quelle braccia nelle quali tutte le mie voci interne si mettono a tacere in religioso silenzio.
Sono quei respiri in cui ci sono dentro mille colori quando fuori è tutto nero.

È l'ossigeno in mezzo al blu del mare mentre la corrente mi trascina via dal mio posto segreto per riportarmi a riva.

...But maybe the question mark helps
Have you ever been lost?
We could get lost
I wanna get lost.

Shura, Just once

9 commenti:

  1. A volte si ha solo bisogno di perdersi, di mettere a tacere le voci dentro la propria testa e abbandonarsi.
    La bellezza di questa frase la sento così mia che potrei tatuarmela " È l'ossigeno in mezzo al blu del mare mentre la corrente mi trascina via dal mio posto segreto per riportarmi a riva." :)
    Ti adoro infinitamente <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul fatto che mi sia persa, Strega, non c'è il minimo dubbio. Ma è una delle poche volte in cui mi hanno perso pure "loro", e finalmente ho sentito un po' di silenzio. A tutto il resto penserò una volta a casa.
      (mai fare un tatuaggio nuovo prima di aver fatto asciugare l'ultimo: aspetta 15gg, dai ^_^)

      Elimina
    2. prometto che attendo! ahahahaha love you <3

      Elimina
  2. Penso siano i cerchi migliori, quelli indomabili.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz, sono i cerchi in cui dentro c'è la vita. Che sarà pure folle, ma è l'unica che abbiamo.

      Elimina
  3. Chissà se di questi cerchi siamo prigioniere o se saremmo in grado di saltarne fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, Mareva, non avrei alcuna voglia di saltarne fuori ora, so che succederà spontaneamente quando sarà il momento giusto. E' comunque una prigionia, il non poterne avere il controllo, ma sono pur sempre guinzagli lunghi e museruole dorate.

      Elimina
  4. cercare cerchi che ci accomunino fino a renderci liberi...
    non so se mi spiego

    RispondiElimina